Ti trovi in:

Home » Comune » Municipio » Sindaco

Menu di navigazione

Comune

Sindaco

di Lunedì, 18 Maggio 2015 - Ultima modifica: Giovedì, 20 Aprile 2017
Immagine decorativa

Il Sindaco del Comune di Rabbi è il Signor Lorenzo Cicolini. 

Data di inizio mandato:  11/05/2015

Data di fine mandato: Maggio 2020

Articolo 29 (Art. 15 LR 4 gennaio 1993 n. 1; art. 64 LR 30 novembre 1994 n. 3; art. 11 e 66 comma 1 lett. l LR 22 dicembre 2004 n. 7)

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 dd. 27.05.2015 - Convalida di elezione del Sindaco 

L'indennità di carica lorda attualmente spettante al Sindaco è la seguente: 
 Euro 1.701,00.= mensili (Euro 20.412,00.= annui) - del. Giunta C. 91/2015

Attribuzioni del sindaco

1. Il sindaco è eletto dai cittadini a suffragio universale diretto ed entra in carica dal momento della proclamazione; è membro del rispettivo consiglio ed è l’organo responsabile dell’amministrazione del comune. 2. Il sindaco rappresenta il comune, convoca e presiede la giunta nonché il consiglio comunale, quando non è previsto il presidente del consiglio e sovraintende al funzionamento dei servizi e degli uffici ed alla esecuzione degli atti. 3. Nei comuni della provincia di Trento, il sindaco nomina i componenti della giunta, tra cui un vicesindaco, e ne dà comunicazione al consiglio nella prima seduta successiva alla elezione [unitamente alla proposta degli indirizzi generali di governo. Il consiglio discute ed approva in apposito documento gli indirizzi 33 generali di governo ( 11)]. Il sindaco può revocare uno o più assessori, dandone motivata comunicazione al consiglio. 4. Egli esercita le funzioni attribuitegli dalle leggi, dallo statuto e dai regolamenti e sovraintende altresì alle funzioni statali, regionali e provinciali delegate al comune. 5. In caso di inosservanza degli obblighi di convocazione del consiglio, provvede, previa diffida, il presidente della giunta provinciale. 6. Il sindaco è inoltre competente, nell’ambito della disciplina provinciale e sulla base degli indirizzi espressi dal consiglio comunale, a coordinare gli orari degli esercizi commerciali, dei servizi pubblici, nonché gli orari di apertura al pubblico degli uffici periferici delle amministrazioni pubbliche, al fine di armonizzare l’esplicazione dei servizi alle esigenze complessive e generali degli utenti e di favorire pari opportunità tra uomo e donna. 7. Nei comuni della provincia di Bolzano, qualora il consiglio non deliberi le nomine di sua competenza entro il termine previsto dall’articolo 26 comma 6 o comunque entro sessanta giorni dalla prima iscrizione all’ordine del giorno, il sindaco, sentiti i capigruppo consiliari, entro quindici giorni dalla scadenza del termine, provvede alle nomine con suo atto, comunicato al consiglio nella prima adunanza. In caso non si pervenga a decisione, la giunta provinciale adotta, nel termine dei successivi sessanta giorni, i provvedimenti sostitutivi di cui all’articolo 82. 8. Nei comuni della provincia di Trento, sulla base degli indirizzi stabiliti dal consiglio, il sindaco provvede alla nomina, alla designazione e alla revoca dei rappresentanti del comune presso enti, aziende ed istituzioni. Tutte le nomine e le designazioni devono essere effettuate entro quarantacinque giorni dall’insediamento ovvero entro i termini di scadenza del precedente incarico. In mancanza, la giunta provinciale adotta i provvedimenti sostitutivi ai sensi dell’articolo 82. Il sindaco nomina inoltre i responsabili degli uffici e dei servizi, attribuisce e definisce gli incarichi dirigenziali e quelli di collaborazione esterna secondo le modalità ed i criteri stabiliti dalla legge, dai rispettivi statuti e regolamenti comunali.

Articolo 31 (Art. 17 LR 4 gennaio 1993 n. 1)

Attribuzioni del sindaco nei servizi di competenza statale

1. Il comune gestisce anche i servizi di competenza statale previsti dall’articolo 10 della legge 8 giugno 1990 n. 142 e da altre disposizioni in materia. 2. Il sindaco, quale ufficiale del governo, sovraintende: a) alla tenuta dei registri di stato civile e di popolazione ed agli adempimenti demandatigli dalle leggi in materia elettorale, di leva militare e di statistica; 35 b) alla emanazione degli atti che gli sono attribuiti dalle leggi e dai regolamenti in materia di ordine e sicurezza pubblica; c) allo svolgimento, in materia di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria, delle funzioni affidategli dalla legge; d) alla vigilanza su tutto quanto possa interessare la sicurezza e l’ordine pubblico, informandone il commissario del governo. 3. Nelle materie previste dalle lettere a), b), c) e d) del comma 2, il sindaco, previa comunicazione al commissario del governo competente, può delegare l’esercizio delle funzioni ivi indicate al presidente del consiglio circoscrizionale; ove non siano costituiti gli organi di decentramento comunale, il sindaco può conferire la delega ad un consigliere comunale per l’esercizio delle funzioni nei quartieri e nelle frazioni. Nell’ipotesi di costituzione di municipi, la delega è effettuata obbligatoriamente al pro-sindaco. 4. Nell’ambito dei servizi di cui al presente articolo, il commissario del governo può disporre ispezioni per accertare il regolare funzionamento dei servizi stessi, nonché per l’acquisizione di dati e notizie interessanti altri servizi di carattere generale. 5. Ove il sindaco o chi ne esercita le funzioni non adempia ai compiti di cui al presente articolo, il commissario del governo può nominare un commissario per l’adempimento delle funzioni stesse. Alle spese per il commissario provvede l’ente interessato. 6. Nei comuni della provincia di Bolzano sono fatte salve le particolari disposizioni contenute nei titoli III e VII della legge 11 marzo 1972 n. 118. 7. Chi sostituisce il sindaco esercita anche le funzioni di cui al presente articolo.

Articolo 32 (Art. 18 LR 4 gennaio 1993 n. 1)

Provvedimenti contingibili ed urgenti del sindaco

1. Il sindaco adotta, con atto motivato e nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento giuridico, i provvedimenti contingibili ed urgenti in materia di sanità ed igiene, edilizia e polizia locale al fine di prevenire ed eliminare gravi pericoli che minaccino l’incolumità dei cittadini; per l’esecuzione dei relativi ordini, può richiedere al questore, ove occorra, l’assistenza della forza pubblica. 2. Ove il sindaco non provveda o dove sono interessati due o più comuni, provvede il presidente della giunta provinciale con propria ordinanza o a mezzo di commissario.

Competenze

Bilancio, Personale, Programmazione, Urbanistica, Lavori pubblici e dal 20.04.2017 Turismo

Data di inizio mandato
11/05/2015
Modalità di ricevimento

Per contattare il Sindaco scrivere una e.mail: sindaco@comune.rabbi.tn.it