Ti trovi in:

Home » Territorio » Luoghi e punti di interesse » Cosa puoi visitare

Menu di navigazione

Territorio

Cosa puoi visitare

di Lunedì, 04 Marzo 2013 - Ultima modifica: Martedì, 27 Dicembre 2016

Durante la stagione turistica solitamente si svolgono delle visite guidate organizzate nel seguente modo: con un bus-navetta s’arriva a Malga Cèrcen bassa, da qui si continua a piedi con la strada forestale fino a Malga Villar bassa da dove si segue il sentiero che conduce alle malghe Fratte e Monte Sole alta.

Si arriva a queste malghe prendendo la strada che da Piazzola di Rabbi va verso destra con indicazioni per il Lago Corvo, Cavllàr e Matarei.

Dalla malga si possono ammirare le Cascate del Saènt che, con un salto spettacolare, scendono dai laghetti Sternai dove nasce il Torrente Rabbiés. In alto s’intravede il pascolo e gli edifici della Malga Stablasolo.

La malga è stata ristrutturata nel 1964 e nel 1982. Qui il casaro produce, oltre al formaggio nostrano semimagro, anche il tipo Casolet, formaggio tipico della Val di Sole.

La Malga è stata ristrutturata nel 1998 e si presenta oggi con lo stallone, la vecchia cascina destinata a deposito e la nuova cascina.
Quest’ultima comprende a piano terra i locali per la caseificazione, la sosta del latte, la stagionatura dei formaggi, oltre che i servizi e la cucina; al primo piano ospita le camere per i malgari.

Malga Stablasolo è una delle numerose malghe che hanno mantenuto la tradizione della trasformazione del latte in Val di Rabbi. Anche in queste zone la tradizionale partenza delle mandrie per l’alpeggio, un tempo, era un vero e proprio avvenimento. Oggi le malghe si possono raggiungere molto più facilmente di un tempo e possono quindi diventare meta per conoscere e acquistare i loro formaggi, ma anche punto di partenza per ulteriori passeggiate.

Cascina e stalla in buone condizioni

Sul pascolo che nutre la numerosa mandria, si vedono anche molteplici cumuli di terra scavati dalle marmotte, le quali si notano facilmente e si sente il loro caratteristico fischio d’allarme.
Con il latte, oltre a formaggio e burro, si producono delle grandi ricotte a forma cilindrica con impresso il numero corrispondente al socio proprietario: sono poste ad affumicare in un apposito stanzino.